Succhi di frutta confezionati: Come vengono fatti? Sono al 100% frutta?

Compro solo succhi di frutta al 100% !

Ma sappiamo come vengono fatti e quali sono le leggi che ne regolano la commercializzazione?

Ecco una panoramica…

Una vecchia legge del 1932 stabiliva che “il nome di succo di un dato frutto è riservato esclusivamente al liquido ottenuto per spremitura del frutto nominato”(come idea ci sembra piuttosto valida…no?); poi ci si è dovuti adeguare a una Direttiva CEE e una nuova legge del 1982 ha cambiato tutto, anche se per semplificazione si continuano a chiamare succhi di frutta.

In realtà, con questo nome si possono chiamare soltanto le spremute al 100% di frutta, senza aggiunta di acqua; in pratica, soltanto quelle di agrumi, che possono essere naturali oppure a base di succo concentrato cioè privato dell’acqua e poi ricostituito con l’aggiunta dell’acqua precedentemente tolta…invitante no?.

Teoricamente si potrebbe fare anche il succo integrale di altri frutti come pere, mele, pesche, eccetera, ma verrebbe troppo denso e poco accetto al consumatore: quindi, per renderlo più fluido, si aggiunge acqua, ma in questo caso non si può chiamare più succo di frutta e la denominazione cambia in “nettare”.

La legge stabilisce le percentuali minime di frutta per ogni tipo di nettare (per esempio, 45% nella pesca e 40% nell’albicocca), che sono identiche a quelle stabilite per il “succo e polpa”, altra denominazione che non è –come potrebbe sembrare qualche cosa di più di un succo, ma è semplicemente un nettare che si può chiamare anche in quest’altro modo.

Si possono fare succhi e nettari anche con frutti come limoni, mele cotogne o le marasche, che però hanno un sapore amaro e, quindi, danno un succo amarognolo.

Anche con l’aggiunta di zucchero, si sente sempre l’amarognolo, perché è quello che resta come ultimo retrogusto.

Preoccupandosi di rendere la vita dolce ai consumatori, nel 1997 il ministro dell’Industria ha autorizzato “l’utilizzazione delle resine adsorbenti per la deamarizzazione dei succhi” di frutta industriali.

Infatti, vi sono speciali resine che, a contatto con il succo, catturano il sapore amaro, cosicché c’è anche meno bisogno di zucchero e si risparmia.

Con lo stesso decreto, sono stati autorizzati anche vari tipi di frutti nella preparazione dei nettari senza aggiunta di zucchero o miele e sono stati fissati i limiti di zuccheri aggiunti nei succhi a base di concentrato.

Nel 2004 i succhi e i nettari di frutta sono diventati praticamente integratori alimentari, poiché fu consentito di aggiungervi vitamine e sali minerali senza autorizzazioni o notificazioni a qualche autorità.

Lo ha previsto il decreto legislativo n.151/2004, che ha attuato una Direttiva comunitaria del 2001.

Quasi sempre vengono aggiunti acido ascorbico (vitamina C) che mantiene il colore, e betacarotene (vitamina A), che pure è un antiossidante.

La differenza tra succhi e nettari di frutta è rimasta sempre la stessa e cioè che ai primi non può essere aggiunta acqua, mentre la novità del decreto 2004 è che ai nettari, oltre all’acqua, può essere aggiunto il miele.

In ogni caso, devono contenere una percentuale minima di frutta variabile, secondo i tipi, dal 25 al 50 per cento. E’ diventata anche più trasparente l’etichettatura.

Prima succhi e nettari dovevano riportare un’apposita informazione in etichetta soltanto se ricavati totalmente da succo concentrato in polvere o liquido, anziché da frutta.

Le nuove norme hanno previsto invece che l’avvertenza va messa anche se il prodotto è ottenuto in parte da frutta e in parte da succo concentrato.

In questo caso la dicitura è “parzialmente a base di succo concentrato”.

Rimane però il fatto che succhi e nettari possono essere ottenuti da frutta congelata, senza alcuna informazione obbligatoria al consumatore.

Succhi di frutta per legge dal 2014 devono essere tutti “senza zuccheri aggiunti” 

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è in vigore il Decreto Legislativo 19 febbraio 2014, n. 20, in attuazione della Direttiva 2012/12 UE, che va a modificare la normativa europea sui succhi di frutta (Direttiva 2011/112 CE).

Le principali novità di questa normativa sono:

  • Il pomodoro viene classificato come frutto e può essere utilizzato per la produzione di succhi.
  • I succhi di frutta non potranno più contenere zuccheri aggiunti o edulcoranti. Dal 28 aprile 2015 è stata tolta la dicitura “senza zuccheri aggiunti” perchè adesso per legge tutti i succhi di frutta devono essere senza zuccheri aggiunti.
  • Nei nettari di frutta è consentito aggiungere zuccheri fino al 20% del prodotto finito (o anche miele), ed edulcoranti. In questo caso però i nettari contenenti dolcificanti artificiali,
  • I nettari non potranno utilizzare in etichetta l’indicazione “senza zuccheri aggiunti” e se il nettare contiene naturalmente zuccheri, dovrà essere indicato in etichetta “contiene naturalmente zuccheri”.
  • Il tipo di frutta contenuto nel succo dovrà essere indicato in questo si impedisce ad esempio che un succo composto dal 90% di arancia rossa e dal 10% di succo di fragola venga etichettato come succo di fragola, dovrà invece essere venduto con la denominazione esatta “arancia rossa e succo di fragola”. Nel caso invece che il succo utilizzi tre o più tipi di frutta, si dovrà mettere in etichetta l’indicazione generica “più specie di frutta” o “più frutti”, o simili.

Lodevole questa normativa del 2014 che ha eliminato gli zuccheri aggiunti, e direi che era ora, verso una sana nutrizione sempre più consapevole…

Se hai desiderio di farti i succhi in casa estratti “a freddo” senza ossidare le vitamine, leggi questa nostra guida: La migliore guida all’ acquisto del migliore estrattore di succo di frutta e di verdure

I MIGLIORI LIBRI SUL POTERE CURATIVO DEI SUCCHI ESTRATTI A FREDDO 

Il Potere Curativo dei Succhi di Frutta e Verdura
Dati scientifici, consigli, ricette

Detox completo con succhi freschi
Liberati dalle tossine

Voto medio su 9 recensioni: Da non perdere


Succhi ed Estratti di Frutta e Verdura
Per fare il pieno di vitamine e minerali

Voto medio su 2 recensioni: Buono


Il Potere Rigenerante dei Succhi
150 frullati, estratti, centrifugati in 10 percorsi verso il benessere

Voto medio su 2 recensioni: Sufficiente


Alcalinizzatevi e Ionizzatevi per vivere Sani e Longevi
Nuova edizione ampliata e aggiornata

Voto medio su 18 recensioni: Da non perdere


Le Incredibili Virtù dei Succhi Verdi
Ridurre il rischio di ammalarsi aumentando vitalità e salute

Voto medio su 20 recensioni: Da non perdere


Succhi Freschi di Frutta e Verdura
Ingredienti e proprietà nutritive per migliorare la salute e risolvere disturbi e malattie

Guarire con il Metodo Gerson
Come sconfiggere il cancro e le altre malattie croniche – All’interno “Se Solo Avessimo Saputo…” IL FILM

Voto medio su 82 recensioni: Da non perdere


 

N.B.: Le informazioni fornite su questa pagina hanno scopo puramente informativo; esse non possono         sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico.

Lascia un commento