IL COENZIMA Q10: LA CANDELA DEL CORPO UMANO

spark-plug-2

Il coenzima Q10 (CoQ10) la candela del corpo umano: proprio come una macchina non può funzionare senza quella scintilla iniziale, il corpo umano non può andare avanti senza di CoQ10. Si tratta di una componente essenziale dei mitocondri, che producono l’energia che le cellule hanno bisogno per eseguire tutte le loro funzioni. CoQ10 svolge un ruolo critico nella produzione di adenosina trifosfato (ATP), l’energia che spinge tutti i processi corporei. CoQ10 è un antiossidante molto importante che protegge le cellule dai danni.

Anche se i nostri corpi possono produrre CoQ10, non sempre ne abbiamo abbastanza. Perché il cervello e il cuore sono tra i tessuti più attivi nel corpo, la carenza di CoQ10 li colpisce di più e può portare a gravi problemi di questi organi. Un certo numero di cose che possono causare deficit di CoQ10 sono la cattiva alimentazione, un difetto genetico o acquisito, o aumentato fabbisogno di CoQ10, per esempio. Cuore e malattie vascolari, tra cui il colesterolo alto e la pressione sanguigna elevata, richiedono un aumento dei livelli tissutali di CoQ10. Inoltre, poiché i livelli di CoQ10 diminuiscono con l’età, le persone di età superiore ai 50 ne possono avere bisogno di più. Molti studi hanno dimostrato una serie di farmaci (in particolare ipolipemizzanti agenti come statine), che diminuiscono i livelli di CoQ10.

Dato il ruolo centrale di CoQ10 in funzione mitocondriale e la protezione delle cellule, è utile in un certo numero di problemi di salute. CoQ10 offre benefici in tante condizioni di salute che non c’è dubbio che dovrebbe essere considerato un nutriente essenziale. Oltre ad essere un antiossidante generale, CoQ10 può anche aiutare le seguenti condizioni:

• Malattie cardiovascolari: pressione alta; insufficienza cardiaca congestizia; cardiomiopatia; protezione durante la chirurgia cardiaca; colesterolo alto che viene trattato con farmaci, in particolare statine

• Cancro (per aumentare la funzione immunitaria e / o compensare gli effetti collaterali della chemioterapia)

• Diabete mellito

• Infertilità maschile

• (Prevenzione) di Alzheimer

• Malattia (prevenzione e cura) di Parkinson

• La malattia parodontale

• La degenerazione maculare

Ricerca scientifica

Studi su animali e nell’uomo hanno confermato l’utilità di CoQ10 per tutte le condizioni sopra elencate, in particolare per le malattie cardiovascolari. In realtà, la ricerca ha dimostrato che il 50 al 75 per cento delle persone con varie malattie cardiovascolari hanno una carenza di CoQ10 nel loro tessuto cardiaco. La carenza spesso può produrre risultati drammatici in pazienti con qualsiasi tipo di malattia cardiaca. Ad esempio, la carenza di CoQ10 ha dimostrato di essere presente in 39 percento dei pazienti con ipertensione.Questo risultato da solo suggerisce la necessità di supplementazione CoQ10. Tuttavia, CoQ10 sembra fornire benefici oltre la correzione di una carenza cardiovascolare.

Uno studio del 2009 descritto sulla rivista Pharmacology & Therapeutics ha osservato che l’effetto di CoQ10 sulla pressione sanguigna di solito si nota da quattro a 12 settimane di terapia, e le riduzioni tipiche sia sistolica che diastolica nei pazienti con alta pressione sanguigna sono modeste nell’intervallo del 10 per cento.

Statine come Crestor, Lipitor e Zocor lavoro inibiscono l’enzima che il fegato ha bisogno per produrre colesterolo. Purtroppo, però bloccano anche la produzione di altre sostanze necessarie per le funzioni del corpo, tra cui CoQ10. Questo potrebbe spiegare gli effetti collaterali come affaticamento muscolare. Un ampio studio, lo studio ENDOTACT pubblicato sul Journal of Cardiology nel 2005, ha dimostrato che la terapia con statine comporta una significativa riduzione dei livelli plasmatici di CoQ10, ma tale diminuzione potrebbe essere prevenuta interamente completandola con 150 mg di CoQ10. Inoltre, integratori di CoQ10 migliorano significativamente la funzione del rivestimentodel vaso sanguigno trattamento e la prevenzione di aterosclerosi.

In studi in doppio cieco, la supplementazione CoQ10 ha dimostrato di essere molto utile in alcuni pazienti con malattia di Parkinson. Tutti i pazienti in questi studi hanno avuto le tre caratteristiche principali di Parkinson-quali tremore, rigidità, e rallentamento dei movimenti e gli era stata diagnosticata la malattia già negli ultimi cinque anni.

Uno studio del 2005 descritto in Archives of Neurology ha mostrato un rallentamento del declino funzionale in pazienti con morbo di Parkinson che hanno preso CoQ10. Dopo un primo screening e le analisi del sangue di base, i pazienti sono stati divisi casualmente in quattro gruppi. Tre dei gruppi ha ricevuto CoQ10 a diversi dosaggi (300 mg al giorno, 600 mg al giorno, o 1200 mg al giorno) per 16 mesi, mentre un quarto gruppo ha ricevuto un placebo. Il gruppo che ha preso la dose di 1.200 mg aveva meno declino della funzione mentale, della funzione motoria e della capacità di svolgere le attività della vita quotidiana come mangiare o vestirsi. L’effetto maggiore era nell’ attività della vita quotidiana. I gruppi che hanno ricevuto 300 mg al giorno e di 600 mg al giorno hanno sviluppato un po’ meno di invalidità rispetto al gruppo placebo, ma gli effetti positivi maggiori sono stati nel gruppo che ricevevano il più alto dosaggio. Questi risultati indicano che gli effetti benefici di CoQ10 per Parkinson sono stati raggiunti con i dosaggi più alti. Nessun significativo effetto collaterale è stato osservato nei pazienti.

Sicurezza e dosaggio

Coenzima Q10 è molto sicuro, senza effetti avversi gravi sono mai stati segnalati, anche con l’uso a lungo termine. Poiché la sicurezza durante la gravidanza e l’allattamento non è stata provata, CoQ10 non deve essere usato in questi tempi, a meno che un medico determina che i benefici superano i rischi. Raccomando tipicamente tra 100 e 200 mg di CoQ10 al giorno. Per un migliore assorbimento, suggerisco capsule di gelatina molle, assunta ai pasti. A livelli di dosaggio elevati, è meglio prenderlo in dosi divise piuttosto che come una singola dose (200 mg tre volte al giorno è migliore di 600 mg tutti in una volta).

Coenzima Q10 negli alimenti

Gli alimenti più ricchi di coenzima Q10 sono gli spinaci, gli arachidi, il tonno, le sardine, il manzo. La quantità di CoQ10 estratta da fonti alimentari è però probabilmente insufficiente a produrre gli stessi effetti clinici osservati con alti dosaggi di CoQ10. Il livello plasmatico di CoQ10 è considerevolmente più alto (oltre il doppio) nei vegetariani che negli onnivori: ciò indica che un elevato apporto di vegetali mantiene alti i livelli di CoQ10.

 

N.B.: Le informazioni fornite su questa pagina hanno scopo puramente informativo; esse non possono         sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico naturopata.

FONTE:                                                                                                                                                                     –  http://doctormurray.com/coenzyme-q10-the-bodys-spark-plug/                                                                           – “Guida medica agli integratori alimentari” del Dottor Michael T. Murray

 

Lascia un commento